1° Festival delle Arti

 

 

 

 

 

 

 

 

NEL PAESE DEL POLITTICO E DEL CASTELLO LA PRIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLE ARTI.

 

 

L'Associazione Culturale di promozione turistica "Culture in Movimento" di Miglionico si
appresta a fare il salto di qualità. Infatti, e' ormai in fase avanzata l'organizzazione del
"Festival delle Arti - Prima Edizione - Estemporanea di pittura sulle orme di G. B.
Cima da Conegliano" che si terrà appunto a Miglionico nei giorni 21 e 22 settembre.

L'iniziativa, che si avvarrà della collaborazione e del supporto scientifico della Fondazione
SoutHeritage di Matera e della Fondazione G. B. Cima di Conegliano Veneto, si prefigge
lo scopo di promuovere il territorio creando un appuntamento fisso annuale che possa
diventare nel tempo un prestigioso riferimento per tutti coloro che si cimentano con l'arte,
sia essa pittura, scultura, musica, fotografia, video ecc... ecc...
 

"Per far si che continui quel racconto magico e supremo che tanti artisti, tra cui
Guerricchio, hanno lasciato e che altri continuano ancora oggi a raccontare con le diverse
espressioni artistiche sulla nostra meravigliosa terra, ma anche per riprendere una
iniziativa del passato -ha dichiarato la presidente dell'Associazione Anna Tralli- abbiamo
deciso di dedicare la prima edizione alla pittura, avvalendoci di una giuria composta da
autorevoli rappresentanti del mondo delle arti e della cultura. Del resto a Miglionico
abbiamo uno dei più importanti capolavori della pittura veneta -ha detto Anna Tralli-  e ci è
sembrato doveroso condurre proprio sulle orme di Giovanni Battista Cima da Conegliano i
tanti artisti che visiteranno il nostro antico borgo medievale".
  
"Abbiamo deciso di offrire la nostra collaborazione  scientifica  al Festival delle Arti  -ha
detto, invece, Roberto Martino della Fondazione SoutHeritage-  perché crediamo nella
validità della formula della partecipazione attiva ipotizzata dall'Associazione Culture in
Movimento. L'estemporanea di pittura offre un momento di confronto, di apertura verso
linguaggi altrui, pone le basi della convivenza civile, offre l'alternativa al luogo chiuso,
ponendosi quindi, come universo aperto verso chiunque si proponga con la propria opera
a un'istantanea che sappia dedicare al luogo un punto di interpretazione attivo".

 

 

Locandina                                                                                 Bandi